You are here:   HomeLe opinioni di MR FarronatoLe opinioni di un runner. L’individualità conta ancora qualcosa?

lbm-animato

Grazie!

Se ti piacciono le foto dei nostri fotografi e vuoi incoraggiarli a continuare a fotografare tutte le domeniche,con una piccola donazione libera,li aiuterai a rientrare delle spese.I nostri fotografi, sono tutti volontari e per scelta non vendono le loro fotografie sul nostro sito,ma dietro il loro scatto c'è molto lavoro e anche molte spese da sostenere ogni settimana x gli spostamenti e x la lavorazione delle migliaia di foto e, solo la loro passione li spinge a sostenere questo impegno.Con un tuo piccolo contributo, renderai il loro lavoro meno gravoso e potrai continuare a scaricare le foto gratuitamente.GRAZIE!!!

 

 CLASSIFICHE DEL MARATONETA

Le poesie di Romacorre

Romacorre.it in edicola

Scienza e Sport

Leggendo...di corsa!

 


 

banner fabiana

 
 

Le opinioni di un runner. L’individualità conta ancora qualcosa?

Valutazione attuale:  / 4
ScarsoOttimo 
Le opinioni di un runner
Pubblicato 04 Gennaio 2018

individualitàNon sono come voi. Voi non siete come me. Occupo un preciso spazio in un universo. Tutti i miei atomi, tutte le mie molecole non sono permeabili con il resto del creato. In quel tempo e in quel luogo, c’è spazio solo per me.

L’individualità conta ancora qualcosa? Devo chiedermelo. Ed ho paura che la risposta non sia quella attesa.

La mattina, andando al lavoro, incrocio una moltitudine di miei simili che compie gli stessi gesti, pensa le stesse cose. Più che simili mi sembrano proprio uguali.

 

Ma che dico? Io sono unico! Nessuno è come me; e mai lo sarà.

Ma “unico” in cosa, viene subito da domandarsi.

Se lascio andare la parte irrazionale, ne escono risposte a iosa, tutte perfettamente persuasive. E non potrebbe essere altrimenti: sono pensate come autodifesa, come “garanzia” che manteniamo il controllo, senza poter deviare dallo status quo. Non possono essere tollerabili dubbi.

Collegando, per un attimo, la parte razionale, lo scenario muta radicalmente. Dove siamo? Di “chi” stiamo parlando?

Ho il terrore che stiamo recitando una “parte” senza neppure rendercene conto. Questa parte, poi, è stata scritta tanti anni fa e già portata in scena. Non è originale. E’ solo una copia della copia della copia.

Non c’è nulla di originale. Neppure l’interpretazione. Troppe volte è stata recitata, tanto da aver esaurito ogni possibile variazione. Eppure, ciascuno di noi, crede di essere il primo. L’unico.

Quando corriamo avviene, più o meno, la stessa cosa. Tanti, troppi, prima di noi hanno calcato la stessa strada. Hanno preparato e disputato le stesse gare. Conseguito lo stesso tempo, gioito allo stesso modo, indossato la stessa canotta, detto le stesse identiche frasi. Non c’è alcuna individualità, ma una ritualità. Anzi, una ruotilità.

Non voglio crederci. L’individualità conta ancora qualcosa.

Poi, però, qualche inatteso accidente. Basta perdere il lume dell’intelletto per svanire, diventare una vuota sommatoria di comportamenti fisiologici. Senza dentro nulla. L’individuo ora dov’è? A cosa è servito tutto ciò?

Dedicato a Piero Milani

ed a tutti coloro che, in tutto o in parte,

hanno perso la cognizione del sé.

[Colonna sonora: Yazoo, Nobody’s Diary, 1983; Freur, Doot-Doot, 1983]

What's in a name?

Face on a stage

Where are you now?

Memory fades ...

Gallerie fotografiche 2018

Gallerie fotografiche 2017

Gallerie fotografiche 2015

Gallerie fotografiche 2016

Gallerie fotografiche 2014

Gallerie fotografiche 2013

Pubblicizza la tua gara

Pubblicizza su romacorre.it la tua gara
Contatta la Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

GARE IN EVIDENZA

01/09 Calcaterra Run 8km (Roma)

16/09 Scorrendo con il Liri 65/27km (Isola del Liri)

 

 

lavora con noi

se vuoi fare un'interessante esperienza in redazione, in un ambiente giovane e dinamico, contattaci a redazione@romacorre.it
vuoi fare un'interessante esperienza nella redazione di romacorre?contatta la redazione