You are here:   HomeLe opinioni di MR FarronatoLe opinioni di un runner. Altre poche righe sulla (ipotetica) Maratona di Roma 2019

lbm-animato

Grazie!

Se ti piacciono le foto dei nostri fotografi e vuoi incoraggiarli a continuare a fotografare tutte le domeniche,con una piccola donazione libera,li aiuterai a rientrare delle spese.I nostri fotografi, sono tutti volontari e per scelta non vendono le loro fotografie sul nostro sito,ma dietro il loro scatto c'è molto lavoro e anche molte spese da sostenere ogni settimana x gli spostamenti e x la lavorazione delle migliaia di foto e, solo la loro passione li spinge a sostenere questo impegno.Con un tuo piccolo contributo, renderai il loro lavoro meno gravoso e potrai continuare a scaricare le foto gratuitamente.GRAZIE!!!

 

 CLASSIFICHE DEL MARATONETA

Le poesie di Romacorre

Romacorre.it in edicola

Scienza e Sport

Leggendo...di corsa!

 


 

banner fabiana

 
 

Le opinioni di un runner. Altre poche righe sulla (ipotetica) Maratona di Roma 2019

Valutazione attuale:  / 10
ScarsoOttimo 
Le opinioni di un runner
Pubblicato 13 Settembre 2018

Palantir di SarumanNon è certo un segno di raffinatezza sottolineare che “Ve lo avevo detto” ma, in effetti, è andata proprio così. Ho scrutato il futuro nel Palantir di Saruman? No, semplicemente, mi pecco di saper fare (bene) il mio lavoro e di individuare subito gli altrui bluff. Bastava poco per capire che la Maratona di Roma del 2019 era segnata negativamente non appena vi si è messo mano con il solito pressappochismo.

Come avevamo sostenuto, il bando pubblico – doveroso – non poteva che, al minimo, riguardare l’edizione del 2020. E già per questo risultato bisognava essere piuttosto bravi, sia dal punto di vista tecnico-amministrativo che sul versante politico. I due piani sono strettamente correlati: la volontà di cambiamento politico si misura, infatti, con la capacità di ottenere le “risposte” con i mezzi consegnati al diritto amministrativo. Nel caso di specie, saper scrivere un bando di gara efficace ma, prima di tutto, avere, più o meno, un’idea di come sarebbe andata a finire tutta la storia.

Un bando – se pensato con criterio – disegna una storia già scritta. Solo gli sprovveduti credono che una volta avviata una procedura, il risultato si consegua automaticamente. Molti ostacoli si frappongono tra la manifestata intenzione e la sua realizzazione. Potrebbero esservi delle impugnazioni, oppure non presentarsi alcun offerente, oppure ... Si tratta di ostacoli prevedibili, a cominciare dal rispetto dell’iter della procedura (e se decede il presidente della Commissione?).

Ebbene, il bando per la Maratona di Roma 2019 era semplicemente impossibile da realizzare compiutamente nei tempi immaginati solo sulla carta. Ed i fatti lo dimostrano ampiamente, senza possibilità di smentita.

Ammesso che si proceda all’assegnazione, come potrebbe il vincitore organizzare tutto in un paio di mesi? Inutile dire che il fallimento dell’iniziativa è già scritto e, con esso, il destino della nostra Maratona che sarà subitaneamente cancellata dagli impegni dei podisti, in specie quelli stranieri.

Ovviamente il bando prevede un “Piano B”, ossia che spetti alla Fidal occuparsi, transitoriamente, di questa 25esima edizione. Ebbene, se questo è il piano, è già tardi per attuarlo. Mancano, al netto, 90 giorni lavorativi e non vedo come qualcuno digiuno di questo mestiere si possa improvvisare. La saggezza che travalica gli anni che ho, suggerisce che la Fidal non abbia che una sola strada percorribile con qualche possibilità di successo: affidare – in via di urgenza – l’incarico a chi ha organizzato le precedenti 24 edizioni (ammesso e non concesso che costoro intendano rendersi disponibili), garantendo ogni apporto (data la fretta, la lista è bella lunga ... e non potrebbe essere altrimenti ....).

Si tratta di semplice buon senso che, per essere tale, già avrebbe dovuto affacciarsi alla mente dei nostri amministratori. Non intendo, sostenendo detta soluzione, sposare la causa di una organizzazione invece che di un’altra; prendo solo atto che non si può fare diversamente e, quindi, a che serve discutere ancora? Le discussioni si fanno prima, cosa che non è sicuramente avvenuta, altrimenti non ci si troverebbe in questa situazione frutto della tipica improvvisazione italiana. Nell’emergenza, qualsiasi gatto digiuno è buono per prendere topi, seppur si avesse la preferenza per quelli siamesi.

Se questi sono i segnali del cambiamento, almeno in veste podistica è difficile dormire sonni tranquilli. Figuriamoci sul resto ...

Gallerie fotografiche 2018

Gallerie fotografiche 2017

Gallerie fotografiche 2015

Gallerie fotografiche 2016

Gallerie fotografiche 2014

Gallerie fotografiche 2013

Pubblicizza la tua gara

Pubblicizza su romacorre.it la tua gara
Contatta la Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

GARE IN EVIDENZA

01/09 Calcaterra Run 8km (Roma)

16/09 Scorrendo con il Liri 65/27km (Isola del Liri)

 

 

lavora con noi

se vuoi fare un'interessante esperienza in redazione, in un ambiente giovane e dinamico, contattaci a redazione@romacorre.it
vuoi fare un'interessante esperienza nella redazione di romacorre?contatta la redazione